Intel ha recentemente messo in commercio i primi processori Core basati su architettura Haswell, con debutto risalente al mese di Giugno in concomitanza con l’edizione 2013 del Computex di Taipei. Queste CPU utilizzano tecnologia produttiva a 22 nanometri, la stessa dei modelli Ivy Bridge che vanno a sostituire sul mercato, in abbinamento ad una nuova microarchitettura alla base.

Sarà il prossimo anno che Intel presenterà le prime CPU costruite con tecnologia a 14 nanometri, indicate con il nome in codice di Broadwell; in questo caso l’architettura base sarà la stessa implementata in Haswell, con alcune modifiche miranti ad incrementarne le prestazioni velocistiche complessive. Le vere novità sono attese con Skylake, nome che identifica i processori sempre a 14 nanometri che prenderanno il posto di quelli Broadwell nella gamma di CPU Intel attesi al debutto con le prime versioni presumibilmente nel corso della seconda metà del 2015.

Intel_Skylake_Roadmap.jpg (69216 bytes)
fonte: pcgameshardware

Per queste proposte troveremo controller memoria DDR4 anche su piattaforme PC di fascia mainstream: l’architettura sarà sempre di tipo dual channel ma con un prevedibile incremento nella bandwidth massima teorica rispetto a quanto accessibile al momento con lo standard DDR3. Le memorie DDR4 debutteranno nel mercato PC l’anno precedente, con le prime proposte della serie Haswell-E destinate al segmento top di gamma del mercato desktop.

Skylake vedrà anche il debutto dello standard PCI Express 4.0, grazie al quale verrà raddoppiata la bandwidth attualmente a disposizione delle periferiche PCI Express 3.0 quali schede video. Altra novità riguarda lo standard SATA Express, con il quale la bandwidth massima teorica passerà a circa 16 Gbit al secondo con un incremento di più del doppio rispetto a quanto ora accessibile con lo standard SATA 6Gbps.

Fonte: DDR4 e PCI Express 4.0 le novità attese nelle CPU Intel Skylake | Hardware Upgrade.